sfondo home page.jpeg

L’Arte non riproduce ciò che è visibile, ma rende visibile ciò che non sempre lo è.


(Paul Klee) 

Per informazioni inviaci una richiesta: +39 340 9257430 | incisionearte@libero.it

incisionearte_logo_white
incisionearte_logo_white
incisionearte_logo_white

INFORMAZIONI:


facebook
instagram
tiktok

facebook
instagram
tiktok

Via Monte Bianco, 2
20011 Corbetta (MI)

incisionearte@gmail.com
029 77 73 70 - 340 9257430 Lora  

Via Monte Bianco, 2
20011 Corbetta (MI)

incisionearte@gmail.com
029 77 73 70 - 340 9257430 Lora  

L’attività della stamperia “Incisione Arte” nasce nel 1974 quando i fondatori decidono, dopo studi ed esperienze presso atelier di noti pittori e presso prestigiose gallerie d’arte di iniziare una loro attività

L’attività della stamperia “Incisione Arte” nasce nel 1974 quando i fondatori decidono, dopo studi ed esperienze presso atelier di noti pittori e presso prestigiose gallerie d’arte di iniziare una loro attività

Artisti

Contattaci su Whatsapp :

Contattaci su Whatsapp :

aligi sassu opera 80x60.jpeg

www.incisionearte.com @ All Right Reserved 2023 | Sito web realizzato da Flazio.com

www.incisionearte.com @ All Right Reserved 2023 | Sito web realizzato da Flazio.com

sassucartella.jpegaligi sassu sole 48,5x47,5€250.jpeg60x80 sassu.jpeg

Aligi Sassu

Aligi Sassu, pittore e scultore italiano, nasce a Milano da padre sardo e madre emiliana. A nove anni si trasferisce con la famiglia a Thiesi, in Sardegna dove rimane per tre anni.
Il paesaggio sardo dai colori forti, colpisce il ragazzo e questa atmosfera mediterranea tornerà spesso nelle opere dell'artista. Il gusto pittorico del sempre giovane pittore, evolve superando il futurismo, studiando Masolino e, in antitesi col Novecento, si avvicina al Primitivismo. Realizza diverse opere con i cavalli come protagonisti e con colori molto accesi. 
 

Aligi Sassu – Litoserigrafia su carta cm 80x60
 

bengez cm 70x100.jpegbengez su tela cm 58x51.jpegpubblicità bengez.jpeg

Bengez Miljenko

Nasce a Zagabria. Ogni opera esplora un’esperienza personale, un luogo visitato o altro. Bengez offre diverse prospettive sullo stesso tema, mettendo in evidenza piccoli cambiamenti.
Il colore è l’elemento che caratterizza la sua pittura e che definisce la composizione e l’atmosfera.


« L'arte non esisterebbe senza la capacità di esprimere un'idea o un concetto. Il mio lavoro è una costante ricerca del modo migliore per interpretare le mie idee su me stesso e il mondo in cui sono circondato. »

 

Miljenko Bengez serigrafia polimaterica su carta cm 70x100 numerata e firmata dall'artista. Tit. "Balon"

cazzaniga.jpegcazzaniga cm 34,4x49,7.jpegcazzaniga(1)25x35.jpegcazzaniga(3)25x35.jpeg

Giancarlo Cazzaniga

Nasce a Monza. Frequenta l’Accademia d’Arte Cimabue e grazie all’amico giornalista e critico d’arte Aurelio Soli viene introdotto nell’ambiente artistico. È stato definito il “pittore delle ginestre e del Conero”. Iniziò a dipingere nelle sue tele l’azzurro del mare di Portonovo sovrastato dal giallo delle ginestre, le quali sono conosciute in tutto il mondo.
 

Cazzaniga Giancarlo – Litoserigrafia su carta cm 35x50
 

fiume 50x35.jpeg

Salvatore Fiume

Nasce a Comiso ed è stato oltre che pittore anche scultore, architetto, scrittore e scenografo. Fa numerosi viaggi che gli permettono di raccogliere impressioni, suoni forme e colori di culture antiche e moderne. Vive per moltissimi anni a Canzo, dove adatta a studio un’enorme ex filanda dell’Ottocento. A sedici anni vince una borsa di studio per il Regio Istituto per l’Illustrazione del Libro di Urbino dove acquisisce una profonda conoscenza della tecnica della stampa: litografia, serigrafia, acquaforte e xilografia. Partecipa anche, in qualità di autore, alla realizzazione dei bozzetti per scene e costumi di un’opera per il Teatro alla Scala. Visita anche i luoghi di Gaugin in Polinesia e, in omaggio al grande Maestro francese dona un dipinto al Museo Gaugin. Presso il nostro Atelier stampa numerose serigrafie polimateriche con broccati portati dalla Polinesia.
 

Fiume Salvatore serigrafia su broccato 50x35 numerata e firmata

fusi 40x40jpg.jpegfusi2.jpegfusi1.jpeg

Walter Fusi

Walter Fusi nasce a Udine da genitori toscani, ma non passa molto tempo che la famiglia torna nel luogo di origine a Colle Val d'Elsa. Compie i suoi studi a Siena presso l'Istituto d'Arte che frequenta fino al diploma nel 1943, per poi iscriversi all'Accademia di Firenze alla fine della seconda guerra mondiale. In considerazione anche dei tempi i suoi spostamenti tra Colle Val d'Elsa e Firenze verranno effettuati con camion che facevano servizio di trasporto tra le due località.


A Firenze le idee artistiche di Fusi, che aderisce al movimento informale, non trovano terreno fertile: la vita artistica fiorentina è o ancora legata alle idee estetiche del gruppo delle Giubbe Rosse (che facevano capo a Ottone Rosai) o tendente ad idee neoavanguardiste. Le sue idee trovano l'ambiente adatto presso la Galleria dell'Indiano, che accoglieva gli artisti informali e dove tra il 1958 e il 1964 tiene alcune personali. Fusi è sfiduciato per l'esperienza informale e, dopo un periodo di silenzio e riflessione, approda all'astrattismo geometrico. Nel periodo dal 1965 fino alla fine degli anni settanta è a Milano, dove sperimenta il concretismo per arrivare alla creazione di opere pittoriche tridimensionali. Nel 1979 Fusi torna a Firenze dove ritrova il piacere di dipingere, tornando alle origini informali e trovando un giusto equilibrio con le riflessioni geometriche.

Walter Fusi serigrafia su carta cm 40x43 numerata e firmata dall’Artista e corredata dal Certificato di Autenticità
 

federicagalli.jpeg

Federica Galli

È stata un incisore di spicco dell’arte grafica italiana del’900. I segni distintivi delle sue opere sono la poesia e uno sguardo inedito su tutto ciò che ha rappresentato nel genere della figurazione.

I temi prediletti sono stati i paesaggi rurali, gli alberi, le vedute di città di Milano e Venezia ma anche la neve, la nebbia, l’acqua.

 

Presso la nostra Stamperia ha stampato oltre 5oo acqueforti nel corso di vent’anni di collaborazione.

 

Federica Galli, Il mulino di Balzanella, acquaforte su carta. Anno 1991.

19x27 collage .jpegpausa caffe 2. 22,5x22,5 nr 3.jpeg

Giuliano Grittini

Nasce a Corbetta ed è artista, scrittore e fotografo. Ha stampato per i maggiori artisti moderni quali Fiume, Rotella, Warhol e molti altri. Collabora con alcune riviste d’arte e di poesia. Ha, con gli anni, iniziato a creare opere sue esponendo in tutta Europa, America ed Inghilterra elaborando una propria tecnica artistica definita “cracker art”, una tecnica molto versatile, adattabile ad ogni contesto e con ogni soggetto perché ha la capacità di adattarsi e di articolarsi fra cinema, fotografia, video, musica e teatro ricombinandoli a suo piacimento e donando ad ogni esemplare qualcosa di unico e particolare. 

Partendo da figure storiche, accattivanti, originali ed anche moderne ha elaborato una produzione di ritagli, strappi che donano ad ogni immagine una peculiarità che contraddistingue ogni soggetto rendendolo irripetibile nel suo essere. Recentemente ha aggiunto, alla sua già notevole creazione, la realizzazione di opere su plexxi che parte dalla preparazione di un raw digital rielaborato con varie tecniche e riportato su supporto rigido plexxi. Successivamente vengono aggiunte varie applicazioni manuali come: foglia oro, argento, metalli preziosi aggiunti sull’opera.
 

Giuliano Grittini – tecnica mista su tela cm 45x55 – tit “ Marilyn ti amo 2012-1962” firmata dall’Artista sul retro con dicitura “opera mia autentica”
 

il dentice di frida-linda grittini.jpeg

Linda Grittini

LINDA Grittini, la trasformista della materia. È stampatore d’arte, artista e fidata assistente del maestro Giuliano Grittini, noto per essere stato il fotografo ufficiale della poetessa Alda Merini. Per oltre 25 anni ha contribuito alla realizzazione di edizioni grafiche affiancando artisti come Rotella, Missoni, Paladino, Mordillo, in tutte le fasi del processo di creazione dando vita a libri d’artista ed edizioni a tiratura limitata. La serigrafia e l’incisione artistica sono il suo elemento naturale. Adora il profumo dell’inchiostro da stampa e della vernice a cera d’api e, trasformare la materia, qualunque essa sia, è la sua missione quotidiana. Per osmosi ha interiorizzato nel tempo migliaia di stimoli creativi dagli artisti con cui ha collaborato, sublimando il tutto in un processo creativo esclusivo elaborato insieme al maestro Giuliano Grittini. La tecnica è stata denominata con il termine Cracker Art.

 

Quest’opera è nata dalla mia passione per l’illustrazione di ricette di cucina che prende per mano idealmente Frida Kahlo, una persona che da sempre mi è stata di grande ispirazione. È una delle ricette che amava cucinare nella sua Casa Azul, in cui preparava banchetti per fare fiesta, con molta attenzione e cura per i dettagli, anche nell’apparecchiare la tavola. Gli elementi che compo ngono l’immagine sono gli ingredienti necessari alla riuscita della ricetta.

 

L’opera è accompagnata dal procedimento per la preparazione di otto porzioni. Così se vuoi puoi replicarla e potrai assaporarla con tutti i cinque sensi in compagnia dell’opera in sala da pranzo. L’Arte, come la Cucina, ci permettono di esprimere il nostro essere interiore, ci aprono a mondi nuovi, rendono più belli i rapporti tra le persone e a volte ci fanno scoprire aspetti di noi stessi che non conoscevamo.
 

lodola35x50.jpeglodola 22,5x.jpeg

Marco Lodola

Nasce a Dorno. Frequenta l’Accademia di Belle Arti a Firenze e a Milano. Affianca l’arte visiva ad altre discipline: letteratura, musica, cinema, design. Si avvicina presto all’uso di materiali plastici che sagoma e colora con una tecnica personale attraverso l’uso di tinte acriliche. 

 

Successivamente nascono le sculture luminose, statue in plexiglass illuminate internamente con tubi luminosi. 

 

È molto poliedrico e questo lo manifesta nella creazione di scenografie per settori eterogenei sia a livello cinematografico che televisivo.
 

rotella2.jpeg

Mimmo Rotella

Nasce a Catanzaro da una madre della media borghesia. Consegue il diploma presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli e successivamente al trasferimento a Roma frequenta l’avanguardia degli artisti romani. Inizia il suo percorso come pittore figurativo e successivamente come pittore astratto-geometrico. Dopo una profonda crisi artistica gli viene l’intuizione che i manifesti pubblicitari sparsi in città possano costituire una forma d’arte e nasce così il “décollage” che è il contrario del collage. Quindi una sottrazione dell’immagine mediante degli strappi ed abrasioni. La sua particolarità è che lui usava anche i retro dei manifesti creando, così, i “retro d’affiche”.
 

Mimmo Rotella – décollage su carta cm 50x70 numerata e firmata.

Tiratura e firma in basso a matita. Edizione totale: 199 +XXXV + XXV H.C. + p.a. L'opera fa parte di una serie di 10 grafiche relizzate dall'artista e da Alda Merini come omaggio a Marilyn Monroe. Pubblicazione: Merini Rotella - Milano. Ultimo atto d'amore, pag.60. Esposizione: Merini Rotella - Milano. Ultimo atto d'amore, Palazzo Reale, Milano. Certificato di garanzia e provenienza Galleria La Spirale, Milano.
 

il dentice di frida-linda grittini.jpeg

La nostra newsletter

Rimani aggiornato su tutte le novità e promozioni del nostro Shop Online. Lascia la tua mail!

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder